Archivi tag: gelato

Farsi raccontare storie dai lupi di mare

La spiaggia non è fatta di solo relax e divertimento. Non è soltanto sabbia e acqua, ombrelloni, bocce e piste per le biglie. C’è molto di più nascosto in cose apparentemente banali, ci sono storie celate dietro al velo trasparente della quotidianità che meritano di essere raccontate, cercate, confrontate e forse persino dimenticate. Sono storie affascinanti proprio perché sanno nascondersi bene. La spiaggia ne è piena. La gente che ci vive ne è piena. Si dice sempre che i lupi di mare, quelli che hanno vissuto tutta la vita a galla, possano raccontare di mostri marini e avventure di ogni tipo, racconti che ogni tanto sono persino veri.

I lupi di mare si distinguono per razza: la più famosa è quella dei marinai, ma alla stessa specie appartengono anche i bagnini, quelli che si alzano alle 5 del mattino, ogni mattino d’estate, e con un fare poetico anticipano il sole quando scendono in spiaggia e aprono la porta della loro cabina. Alle sei e mezza iniziano la passeggiata tra gli ombrelloni, li aprono tutti, talvolta aiutati dai loro ragazzi, soprattutto nel raccogliere cicche e cartacce sulla sabbia, perché i lupi di mare non ci vedono mai troppo bene, con il sole in faccia e i riflessi sull’acqua tutto il giorno dritti dritti contro agli occhi. Sono lupi di mare che tengono i piedi sempre sulla sabbia, ma quando salgono sul loro moscone per andare a slegare i pedalò dalle boe, a un cinquantina di metri dalla riva, con poche bracciate impongono una impetuosa padronanza sull’acqua. Poi prendono il caffè, il secondo, e si siedono sulla loro sedia, dove dietro c’è scritto – sempre – bagnino, quasi ad indicare un invalicabile ordine gerarchico. C’è il capitano della nave e c’è anche il capitano della spiaggia, appunto. Tutta la vita con i piedi nella sabbia e il sole contro gli occhi, la salsedine nel naso e le chiacchiere della gente che viene da ogni spigolo del mondo.


Un’altra razza appartenente alla famiglia dei lupi di mare è quella dei gelatai ambulanti. Sono quasi tutti bassi e tarchiati, con la loro pancia sempre bella in vista e la canottiera bianchissima e il cappellino in testa. Loro si alzano un po’ più tardi dei bagnini, ma al contrario di questi ultimi non si siedono mai. Al mattino riempiono il loro freezer mobile e lo spingono su tutte le passerelle delle spiagge della città. Su e giù, avanti e indietro, tutto il santo giorno sotto il sole cocente. Spingono il loro carretto e gridano claim pubblicitari che fanno ridere mamme e bambini, che sono i più grandi divoratori di ghiaccioli e cornetti. Claim pubblicitari come “Mammine con un bel culetto venite a mangiare un cornetto”, “Chi lecca non invecchia”, “è arrivato Renato col gelato esagerato”, “Il cono di Giorgino fa allungare il pistolino”, “Gelati e caramelle solo per bimbe e mamme belle”. Cose del genere.

Sono questi personaggi qui, quelli che il mare e la sabbia lo hanno vissuto e attraversato per davvero, quelli che hanno costruito l’impero del turismo riminese, sono questi lupi di mare, o lupi da spiaggia, se preferite, che nascondono nella mente, nel cuore e nell’anima le storie di tutta una vita trascorsa con i piedi sulla sabbia a parlare con gente di ogni dove. Loro hanno davvero visto il cambio di generazioni, di tempi, di tecnologie e di mode e tormentoni che oggi sembrano pagine ingiallite di vecchi quotidiani. Quindi se avete voglia – e pazienza – di ascoltare una loro storia, chiedetegli di raccontarvene una, ne hanno così tante strette al cuore, saranno felici di raccontarle, e ve ne andrete con un pensiero nuovo, tutt’altro che profondo, che descrive la vita da spiaggia in modo completamente differente da quello che viene descritto sulle cartoline e sui comuni portali turistici.

“Farsi raccontare storie dai lupi di mare”

Credits: le fotografie appartengono all’archivio fotografico dell’Assessorato al Turismo della Provincia di Rimini.

Gelati, frullati e “luvérie” al Panna & Cioccolato

Da Cattolica a Rimini, passando sia per la costa che per l’entroterra, si trovano centinaia di gelaterie, artigianali e non. E se aggiungiamo tutti i bar e i locali che vendono anche gelato, si può chiaramente dire che in Romagna, ogni cento metri si ha la possibilità di mangiare un gelato. Ma, c’è un ma, ovviamente. C’è una gelateria artigianale, a Riccione, che emerge tra il marasma di concorrenti. Trovarla è facilissimo: quando a Riccione vedete una coda di persone tutte in fila dall’ingresso sino a metà strada, ecco, allora siete arrivati al Panna & Cioccolato. Gelateria, goloseria, “luverìa” come dicono i romagnoli – deriva da “luvéria”, che in dialetto indica qualcosa di estremamente goloso – è diventata uno dei punti di riferimento anche per torte gelato, ghiaccioli, frullati e centrifughe. Ogni gusto è realizzato con frutta fresca di stagione e con ingredienti genuini, il miglior latte italiano e qualche segreto dei pasticceri di Panna & Cioccolato. I frullati e le centrifughe sono una vera bomba di gusto e vitamine, suddivisi per sapori e benefici, da quello influenzale – che cura raffredore e malanni meglio di qualsiasi antibiotico – a quello dolce e intenso che con mascarpone e cioccolato conquista il cuore dei più golosi. E poi i ghiaccioli e i cornetti artigianali, piccoli dolcetti e anche soluzioni incredibilmente originali e gustose per sostituire il classico pranzo con un ice cream lunch. Diventato in pochi anni un luogo di culto per i romagnoli e per i turisti, oggi si guadagna un posto speciale tra le 101 cose da fare a Rimini e dintorni, almeno una volta nella vita: gustare un gelato – o un frullato – al Panna & Cioccolato di Riccione.

Aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 22:00
Via Lungorio, 1 – Riccione (RN)

E voi ci siete mai stati? Raccontateci quali sono i vostri gusti preferiti e quelli da consigliare a chi non ci è ancora andato.

In foto: la normale coda di golosi davanti all’ingresso.

I love gelato day 2012

101 cose da fare è un portale di tutti, un sito in cui ognuno può scrivere, commentare e dire la sua. Sono le persone che decidono quali sono le cose migliori da fare a Rimini e dintorni, nelle città di provincia e nelle stradine magiche che dipingono i centri urbani. È chi vive in queste zone che sceglie i luoghi migliori da visitare, i ristoranti più gustosi o gli eventi a cui non si può assolutamente mancare.

Ernesto Bruscia ci ha appena consigliato di non perdere uno degli eventi più golosi dell’estate romagnola: I love gelato Day 2012. A Morciano di Romagna, l’azienda leader nella produzioni di ingredienti per gelateria organizza, assieme al Comune, un grandioso evento con degustazioni di gelato, scivoli gonfiabili, spettacoli circensi, writers all’azione, laboratori di inglese e DJ Set, con in chiusura serata il concerto dei The Ironsides (punk band), Reduci di Peppe (Red Hot Chili Peppers tribute), Avenue X (rock n’ roll from NYC).

Quindi…buon divertimento e buon appetito!
Aspettiamo impressioni e recensioni dell’evento.

Come sempre, contattateci via emailFacebook e Twitter (con l’hashtag #101cdf), o commentando questo post.